Sesto aggiornamento su Shalom… e Gabriele

GabrielePerdonate il ritardo con cui vi inviamo quest’ultimo aggiornamento, ma aspettavamo di avere notizie certe sulle condizioni dei “nostri” piccoli.
Shalom sta completando l’ultimo impegnativo ciclo di chemioterapia che purtroppo la sta provando molto più del precedente;  se però, come naturalmente tutti speriamo, supererà anche questo momento critico, fra circa tre settimane si potrà prendere in considerazione l’ipotesi del trapianto. Per questo dovremo accompagnarla a Roma, al Bambin Gesù (prof. Locatelli), insieme a suo padre Yosef che con ogni probabilità sarà il donatore; sulla possibilità di utilizzare le cellule del cordone ombelicale del fratellino non sappiamo ancora nulla di certo.
Gabriele è stato dimesso dal Bambin Gesù dopo la prima fase del programma terapeutico e finalmente è con la sua famiglia qui a Bari. Compatibilmente con le gravi condizioni di base, sta abbastanza bene, cresce e andrà a controllo il prossimo 29, mentre il prossimo intervento chirurgico dovrebbe essere effettuato tra tre mesi circa. Se tutto andrà bene, resterà in attesa del terzo intervento e successivamente del trapianto di cuore, unica e vera soluzione definitiva al suo grave problema. Intanto cresce, e soprattutto quando piange trova le braccia di sua madre.
Insomma, la strada è sempre molto lunga e irta di difficoltà, e ci scoraggeremmo facilmente se guardassimo troppo avanti. Facciamo invece un passo alla volta, come abbiamo fatto fin’ora, e affrontiamo gli ostacoli che ci si presentano facendo tutto quello che possiamo per superarli e andare avanti. Se avessimo saputo quante difficoltà avremmo incontrato forse non avremmo nemmeno cominciato, ci saremmo sentiti obiettivamente troppo piccoli per gestire situazioni così complesse sul piano organizzativo, economico e umano. E invece, nei momenti più difficili di questa straordinaria esperienza di vita, di sofferenza, di umanissima solidarietà e compassione, abbiamo trovato aiuti inaspettati, soluzioni imprevedibili, e scoperto il cuore e la fiducia di tanti amici, vecchi e nuovi, conosciuti e sconosciuti.
Anche noi del Gruppo Quetzal, presi come tutti dal turbine delle difficoltà e dei mille condizionamenti quotidiani, troppo spesso dimentichiamo che la vita vince, sempre e comunque. La Resurrezione è un fatto, una certezza, come abbiamo ricordato nei nostri auguri per la Pasqua.
Avanti allora, carissimi amici, affrontiamo insieme le difficoltà dei nostri piccoli Shalom e Gabriele e tutte le altre che ci vengono incontro, nelle baracche di lamiera in Honduras così come nell’orfanotrofio a Valona o nelle difficili periferie della nostra città, con tutto l’impegno e l’onestà che possiamo, e soprattutto con la consapevolezza che alla fine la vita vince, sempre.

Per sostenere Shalom potete usare il bonifico bancario: Banca Prossima, IBAN IT 64 X 03359 01600 100000010855
oppure il CC postale n. 44442994
Potete anche effettuare la donazione Paypal in alto a destra nel sito
La causale è “SHALOM