Secondo aggiornamento sulla situazione di Shalom

Carissimi,

le condizioni di Shalom si sono purtroppo notevolmente aggravate, ma i medici curanti non hanno perso le speranze e hanno avviato tutte le procedure per un eventuale trapianto, così da essere subito pronti non appena dovessero comparire segni clinici di miglioramento.
Due giorni fa abbiamo quindi portato a Roma i prelievi per la tipizzazione sul sangue dei suoi familiari e abbiamo accompagnato la madre che potrà partorire consentendo l’eventuale utilizzo del cordone ombelicale in senso terapeutico grazie alla collaborazione dell’Ospedale Bambin Gesù.
Vi prego si sospendere per il momento le visite in reparto, Shalom per lo più dorme, ha forti dolori addominali e il personale di assistenza ci ha chiesto con grande cortesia di limitare le visite al minimo, considerata inoltre la condizione di immunodepressione di tutti bambini presenti. Vi terremo al corrente di tutto con le mail e speriamo di poter riprendere presto le visite in ospedale, magari coordinandoci per non creare problemi.
A tutti i nostri amici, vecchi e nuovi, che hanno raccolto con sensibilità e generosità il nostro appello, chiediamo infine di dedicare alla “nostra” piccola e alla sua famiglia ancora una preghiera o un pensiero di amore e vicinanza; per sua madre che sta per partorire a Roma un bambino mentre Shalom lotta tra la vita e la morte, per suo padre che piange chiuso nel bagno e per la sua sorellina Happy, che gioca ancora spensierata e felice.
Intanto con la raccolta siamo a circa 5000 euro.
Grazie a tutti, un abbraccio dai genitori di Shalom e al prossimo aggiornamento, speriamo con buone notizie.

Gruppo QuetzalGruppo Quetzal